27 Maggio 2019
[]
news

Campionati toscani Allievi indoor: velocisti sugli scudi. Fabbri fermato dai muri

28-02-2014 21:58 - news generiche
Stavolta probabilmente fa più notizia un primato personale non migliorato. A metà della quarta giornata del meeting Toscanaindoor, la seconda che assegnava i titoli toscani Allievi e Allieve al Mandela Forum, la gran parte del pubblico si è spostata sotto la tribuna principale del palasport fiorentino dove si svolgeva il lancio del peso. In pedana tra gli altri c´era Leonardo Fabbri, fresco campione italiano di categoria nel lancio del peso. Dopo il 16,07 di ingresso ha scagliato l´attrezzo a 17,83; poi accade quello che in qualche modo era accaduto ad Ancona, il giorno dei Tricolori: l´attrezzo esce bene, non c´è nullo di pedana ma la parabola della gittata non si completa perchè impatta su qualcosa posto prima della superficie destinata alla caduta. Ad Ancona era stata una delle reti che delimitavano il settore. Stavolta, talmente alta la parabola, impatta su una trave di sostegno del soffitto della tribuna. E torna all´indietro: mai accaduto. Nullo. Fabbri schiuma rabbia, come un cavallo da tiro che viene tenuto legato, ci riprova a resettare i meccanismi. Esce nel quarto lancio un 16,66; poi 17,96 al quinto lancio. Troppo inferiore al 18,68 del lancio buono di Ancona, così come al 18,86 all´aperto la stagione scorsa. Fabbri vuole il primato personale, nonchè record toscano. Ma anche il sesto lancio impatta sul muro portante ai lati della pedana e rimbalza beffardamente sulla rete che delimita il settore. Ormai i palazzetti dello sport sembrano troppo stretti per Leonardo Fabbri, avrebbe bisogno che si mettesse la pedana al centro di una pista, o di un prato, come accadeva per Alessandro Andrei negli stadi di Viareggio o Firenze. Ci riproverà a Genova fra qualche giorno; altrimenti appuntamento rimandato a quest´estate, stagione all´aperto. Il portacolori dell´Atletica Firenze Marathon si "consola" col titolo toscano, davanti a Boggi (Virtus CR Lucca, 15,07) e a De Luca (Centro Atletica Piombino, 14,84).

Sugli scudi così sono andati i velocisti e le velociste. Su tutte Gaia Zuri, dell´Atletica Sestese Femminile che ha fatto doppietta: prima ha vinto i 55 ostacoli in 8"34 (8"36 in batteria), davanti alla compagna di squadra Sara Poggesi (8"56) e a Giulia Cutini dell´Atletica CR Pistoia e Lucchesia (8"68) (le tre sono ritratte nella foto di copertina, nell´ordine da destra a sinistra), con, quarta, la terza atleta della Sestese Femminile (al pari delle altre, allenate da Mauro Naldini), Angelica Siringo (8"64), per una tripletta sfiorata da parte del sodalizio di Sesto Fiorentino.
La Zuri in chiusura di serata vincerà anche i 200 metri, in 26"43, davanti a Sofia Dini (Atletica Firenze Marathon, 26"73) e Cecilia Cirri (Atletica Prato, 27"38).
"Quasi tripletta" sui 200 Allievi per la Toscana Atletica con Leonardo Francesco De Feo che li vince in 24"88, su Raffaele Donati (25"41). Terzo Niccolò Sensi dell´Atletica Prato (25"55).
La tripletta la faranno invece gli atleti dell´Atletica Firenze Marathon, negli 800 (penultima foto in basso) con Gianmarco Scaldini (2´03"68), Pietro Gazzi (2´05"31) e Diego Silva Algewattage (2´07"10).
Sugli 800 Allieve al primo e al secondo posto due atlete al primo anno della categoria (classe 1988): Lavinia Sandrucci (Atletica Firenze Marathon, 2´25"90) e Sara Orrù (Atletica Libertas Runners Livorno, 2´27"90), terza Olivia Passaleva (Atletica Firenze Marathon, 2´28"23).

La giornata si era aperta con il salto in lungo Allievi con Andrea Rinaldi dell´Atletica Livorno che ha fatto gara in crescendo fino al 6,73 dell´ultimo salto e ha vinto davanti ad Andrea Bigongiari della Virtus Lucca (6,36) e a Gabriele Alinari (Atletica Firenze Marathon, 6,34) (nella seconda foto dall´alto il podio, gli atleti premiati dal fiduciario tecnico regionale Renzo Avogaro).

Francesco Rettori della Toscana Atletica (nella terza foto insieme al suo tecnico Vizzuti) ha vinto i 55 ostacoli Allievi correndo in 7"59 in finale, a soli 6 centesimi dal record toscano di Ivan Mach Di Palmstein.
Di ottimo livello anche i 55 ostacoli Juniores vinti da Francesco Ferrante (Atletica Firenze Marathon) in 7"74.
I 55 metri piani Allievi sono incappati in una fase di black-out del cronometraggio: al vincitore Lorenzo Dini dell´Atletica Camaiore è stato attribuito un tempo manuale: 7"0 (in batteria aveva corso in 6"97). Tra le Allieve Irene Buselli dell´Atletica Livorno ha vinto senza che le sia stato attribuito un crono. In batteria aveva fatto il miglior tempo con7"53 (nella quarta foto il podio: con lei Margherita Galli dell´Assi Giglio Rosso, seconda, e Flavia Massi dell´Atletica Firenze Marathon, terza).

Completa il quadro dei risultati, a cui vanno aggiunti quelli delle gare del settore Senior, il salto triplo Allieve vinto da Elisa Sucameli del Centro Atletica Piombino con 11"61 davanti alla coppia dell´Acsi Atletica Montelupo Claudia Politi (11,21) e Sofia Aloi (10,87).

Le foto sono di Carlo Carotenuto, l´ultima, quella di Leonardo Fabbri, foto Andrea Renai ad Ancona

Fonte: Carlo Carotenuto

[Realizzazione siti web www.sitoper.it]