16 Luglio 2020
news

I gemelli Dini super nei 10mila su pista a Rubiera. Minimo Europei e record toscano

28-04-2013 22:15 - news generiche
I gemelli Dini nella foto d´archivio tratta dal sito dell´Atletica Livorno. Sotto, la foto dei due atleti in gara oggi (fonte: ufficio stampa atletica Livorno)
Grande prestazione dei gemelli Dini oggi a Rubiera sui 10000 metri su pista, validi come Campionati Regionali Individuali Assoluti e Masters e prima prova del C.d.S. di corsa.
Ben tre le serie disputate per gli uomini, con i migliori tempi nell´ultima, che ha avuto il predominio di due atleti della Atl. Casone Noceto, Kaddour Slimani e Taoufique El Barhoumi, che con un 1000 finale sull´ordine dei 2´43", hanno recuperato il leggero ritardo sul ritmo di 3´ al km, corso fino ai 9000 metri. Slimani ha vinto con 29´47"20, con El Barhoumi a 29´47"85, mentre lo junior Lorenzo Dini (Atl. Livorno) con 29´57"63 ha ottenuto il minimo per i Campionati Europei Juniores che si svolgeranno dal 18 al 21 luglio a Rieti. Anche il fratello gemello di Lorenzo Dini, Samuele, nono, ha ottenuto il minimo per Rieti, con il tempo di 30´39"67. Lorenzo ha migliorato anche il record toscano Juniores che resisteva dal 12 aprile 1980 quando a Tirrenia Alessandro Giaconi, anche lui portacolori dell´Atletica Livorno, corse in 30´55"63. Anche Samuele quindi oggi è sceso sotto al vecchio limite.
Per la cronaca il titolo regionale juniores è stato vinto da Eros Baldini (Corradini Rubiera) con 33´47"62.

Nei 10000 metri donne successo per Hafida Izem (Reggio Event´s) seconda alla recente Maratonina di Prato con 34´54"33, davanti a Ivana Iozzia (Corradini Rubiera) con 35´25"97, che ha vinto il titolo regionale assoluto.


Da comunicato stampa Atletica Livorno delle 23.47 aggiungiamo:
Lorenzo e Samuele, all´esordio sulla distanza, hanno corso sotto l´occhio attento del loro allenatore Saverio Marconi e del tecnico federale Stefano Baldini. La gara della terza serie, che li ha visti coinvolti, è stata avvincente con i due fratelli che rimangono a lungo affiancati nel gruppo di testa: Lorenzo prende anche l´iniziativa intorno ai 6000m, passando al comando; di lì a poco, Samuele perde il contatto con la "motrice" ed accusa un po´ di fatica. Al suono della campanella dell´ultimo giro, Lorenzo intravede la possibilità di scendere sotto i 30´ e con un grintoso ultimo 400 in 1´04" chiude la gara 3° in 29´57".



Fonte: Carlo Carotenuto / Giorgio Rizzoli, ufficio stampa Emilia Romagna

Realizzazione siti web www.sitoper.it
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account