16 Luglio 2020
news

Mennea, il ricordo del decano degli starter, il fiorentino Gustavo Pallicca

21-03-2013 13:37 - news generiche
alcune immagini di Gustavo Pallicca
"L´ho avuto tantissime volte in gara: io infatti ho cominciato come starter nazionale nel 1971, quando Pietro Mennea a sua volta di fatto cominciava la sua carriera". Gustavo Pallicca, fiorentino, giudice di gara, decano e tra i più esperti degli starter internazionali italiani, autore di diverse pubblicazioni tecniche e sulla storia della velocità, ha vissuto da vicino il personaggio Pietro Mennea. "A Helsinki - ricorda - ero spettatore, ma c´ero in campo per esempio a Torino quando fece il record italiano dei 200". Pallicca ricorda: "Quando lo starter va in mezzo agli atleti per chiamarli ai blocchi, ci sta di scambiare due battute prima della partenza con loro. Con lui ho sempre evitato, non si poteva fare: appariva di una scontrosità spaventosa, perché era concentratissimo. L´ho incontrato più volte a carriera conclusa in occasione della presentazione di libri; e una volta gliel´ho raccontato, che in passato ´avevo sempre paura di dirti anche buongiorno´. ´Hai fatto bene - mi rispose - perché ti avrei mandato a quel paese´". Alla partenza dei Campionati europei di Roma nel 1974 ero controstarter. A Torino, quando fece il primato italiano, ero invece proprio lo starter. Così come ai Campionati militari a Firenze nel ´73 in quello che era lo stadio Comunale, ora Franchi. Mi ricordo anche dei grandi meeting che Giuliano Tosi organizzava a Firenze e a Viareggio. A Viareggio nel 1972, qualche settimana prima delle Olimpiadi di Monaco dove Mennea debuttò ai Giochi olimpici e vinse poi la medaglia di bronzo, Tosi era riuscito a portare la squadra americana della velocità. Decidemmo però di non far scontrare i migliori dei loro contro i migliori degli azzurri, ma li mettemmo in batterie diverse; questo per dare l´idea di come era allora quotata la velocità italiana. Poi i due americani, primatisti del mondo, a Monaco bucarono i quarti di finale per il famoso episodio in cui si dimenticarono dell´orario".

Fonte: Carlo Carotenuto

Realizzazione siti web www.sitoper.it
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account