17 Luglio 2019
[]
news

Multistars: tripudio finale con le staffette azzurre sotto gli occhi di Alfio Giomi. Anche Vizzoni dà spettacolo

03-05-2013 20:59 - news generiche
Le staffette azzurre (foto Renai)
Le staffette 4x100 con gli azzurri in gara hanno completato nel migliore dei modi una due giorni davvero ricca di emozioni al Firenze Atletica Multistars che si è chiuso allo stadio Luigi Ridolfi. La giovane staffetta azzurra donne composta dalla senese Irene Siragusa (´93) dell´Atletica 2005, Gloria Hooper (92), Martina Amidei (91) e Ilenia Draisci (89) si è imposta con cambi fluidi col riscontro cronometrico di 44.24 davanti al quartetto dell´Atletica Sestese Femminile composto per tre quarti da Allieve che fa 48.08, minimo per i campionati italiani assoluti.

In campo maschile erano ben tre i quartetti azzurri. Ha vinto quello formato da Simone Collio, Jacques Riparelli, Davide Manenti e Fabio Cerutti in un ottimo 39.02 davanti al quartetto composto dal pisano Delmas Obou, da Francesco Basciani, Marco Valentini e Giovanni Galbieri che ha chiuso in 40.08. Al terzo posto il quartetto di Antonio Moretti, Ciro Riccardi, Mattia Recchiuto e Diego Marani con 41.47 davanti all´Atletica Prato (41.99).

Nicola Vizzoni, capitano azzurro, ha vinto la gara del lancio del martello con un probante 74.87. Vittoria come da pronostico sui 300 piani anche per Chiara Bazzoni in 37.79. Di scena anche i 1500 donne vinti dalla ruandese Mukasakindi (di recente vincitrice nelle mazze maratone di Prato e di Firenze) sulla connazionale Nyransabymana e su un ottima Moira Pachetti della Libertas Runners Livorno che cercato fino all´ultimo metro di agguantare il secondo posto. Di buon livello tecnico anche le gare dei 3000 uomini e quelle sui 150 metri, quelli femminili vinti dall´azzurra Paoletta.

La serata, alla quale ha assistito il presidente Fidal nazionale Alfio Giomi, si è chiusa in un clima di grande festa per un pomeriggio che ha registrato una tribuna principale del Ridolfi davvero gremita e calorosa, nonostante il giorno feriale in cui si è conclusa la due giorni (dovuto all´anticipo della gara di campionato tra Fiorentina e Roma che ha costretto gli organizzatori a modificare i piani iniziali: il Meeting infatti doveva svolgersi venerdì e sabato, secondo l´idea di partenza).

Fonte: Carlo Carotenuto

[Realizzazione siti web www.sitoper.it]